Legge di Parkinson nella gestione dei progetti

legge di parkinson

Tutti coloro che sono coinvolti nella gestione dei progetti sono consapevoli che queste iniziative sono soggette a diversi tipi di incertezze sebbene ce ne siano alcune che compaiono in ogni progetto a causa della loro natura. La legge di Parkinson è un esempio. Ogni progetto è sensibile ad essa perché questo fenomeno ha origine dal …
continua la lettura

Diagramma di dispersione

diagramma dispersione

Il diagramma di dispersione (scatter diagram) è utilizzato per studiare e identificare la possibile relazione tra due variabili. Viene anche utilizzato come strumento per convalidare la relazione tra cause ed effetti nell’analisi di un problema. Si tratta quindi di un grafico in cui i valori di due variabili sono riportati su due assi cartesiani e …
continua la lettura

Gestione dei rischi in un progetto Agile

gestione agile rischi

La gestione dei rischi in un progetto gestito con approccio agile è una questione piuttosto delicata. Il ricorso ad una pianificazione sommaria nei progetti agili limita la possibilità di procedere ad una analisi preliminare. Tuttavia sarebbe auspicabile che almeno per la parte relativa ai rischi venga prodotta una valutazione attenta per prefigurare possibili strategie di …
continua la lettura

Carenza di competenze e talenti come fonte di nuove opportunità

gap di talenti

La carenza di competenze è ormai un fenomeno globale, che colpisce le organizzazioni in quasi tutti i settori industriali. Nel project management, tuttavia, il divario di competenze sta crescendo a un ritmo più rapido di quanto previsto solo pochi anni fa. Le implicazioni per le organizzazioni e i project manager sono già state evidenziate in …
continua la lettura

Fattori da considerare nel disegno della kanban board

disegno kanban board

Mentre l’applicazione dei principi del metodo Kanban può sembrare abbastanza semplice, la modellazione della prima Kanban board richiede riflessione e pianificazione in quanto dipende da una serie di fattori. Vengono poste diverse domande: Come organizzarla? Gestire tutti i progetti su una singola scheda? Tutti i team su una singola scheda? Strutturarla per classe di servizio …
continua la lettura

Processo decisionale di gruppo

processo decisionale di gruppo

Per un project manager gestire le comunicazioni e risolvere problemi fa parte della quotidianità. A volte non è per lui possibile prendere decisioni in autonomia e non è neanche consigliabile. Infatti, una decisione condivisa facilita il consenso ed evita la presa di distanza di chi non ha partecipato alla decisione. D’altra parte il processo decisionale …
continua la lettura

Cos'è il Design Thinking?

design thinking

Il Design Thinking (pensiero progettuale) è un processo non lineare, iterativo in cui si cerca di comprendere meglio le esigenze dell’utente, ridefinire i problemi e valutare ipotesi di soluzioni nel tentativo di identificare strategie alternative che potrebbero non essere immediatamente evidenti con il nostro livello iniziale di comprensione. È un modo di pensare e lavorare …
continua la lettura

Costi della qualità

costo della qualità

I costi della qualità sono relativi alla prevenzione, al rilevamento e alla risoluzione dei problemi qualitativi di uno o più prodotti. Ciò non implica solo l’adeguamento del valore percepito del prodotto a uno standard più elevato. Implica anche la creazione e la consegna di un prodotto che soddisfi meglio le aspettative di un cliente. Se …
continua la lettura

Metodo MoSCoW per assegnare le priorità

4 categorie metodo moscow

Il metodo MoSCoW è stato inventato da Dai Clegg della società di consulenza Oracle UK, che ha sviluppato una tecnica per attribuire le priorità dei progetti che hanno gravi vincoli di tempo ed in cui è necessario individuare le componenti da privilegiare. Si tratta di uno strumento particolarmente importante da utilizzare nell’Agile Project Management per …
continua la lettura

Design Sprint » Come applicare il Design Thinking secondo Google

design sprint

Il Design Thinking è un approccio allo sviluppo dei prodotti nato tra il 1960 ed il 1970 dal lavoro di Herbert A. Simon e condensato nel libro “The science of the artificial”. In seguito Simon vinse il premio Nobel in economia ed il premio Turing. Nel 1990 quelle idee furono riprese da Terry Winograd, David …
continua la lettura

Lean startup: cos'é e come si applica

lean startup

Obiettivo del metodo Lean Startup è abbreviare i cicli di sviluppo dei prodotti adottando una combinazione di sperimentazione basata su ipotesi di business, rilasci iterativi ed incrementali dei prodotti e apprendimento progressivo validato dall’esperienza. Inoltre, costituisce una via “minimalista” all’avvio di aziende startup che ruotano intorno ad un prodotto/servizio strategico ma che dispongono di risorse …
continua la lettura

Metodo 5s per il miglioramento continuo dei progetti

metodo 5S

Proprio come gli approcci Kaizen o Lean, la metodologia 5S ha le sue origini in Giappone con l’obiettivo di ottimizzare l’organizzazione del lavoro. Si chiama ‘5S’ perché comprende 5 passaggi: Seiri, Seiton, Seiso, Seiketsu e Shitsuke. Tradotto in italiano: Eliminare, Ordinare, Pulire, Standardizzare e Sostenere. Applicando la metodologia 5S e i suoi standard, le organizzazioni …
continua la lettura